Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

ComunicatiStampaSito

MILANO - «Grazie alla pressione di Social Impact Agenda per l’Italia, nell’ultima Legge di Stabilità è stato approvato il primo outcome fund italiano: il Fondo per l’innovazione sociale. È una partita aperta, che si sta giocando in questi giorni. Servono però i decreti attuativi. Il prossimo Governo, quale che sia, se ne occupi nei primi cento giorni».

Così Giovanna Melandri, presidente di Social Impact Agenda per ltalia, il network italiano degli investimenti a impatto sociale, nel suo intervento di apertura del meeting “Unlocking Impact Capital”, oggi a Palazzo Marino. 

«Il Fondo per l’innovazione sociale è partito con un finanziamento “simbolico”: 25 milioni di euro. Ed è uno strumento aperto alle pubbliche amministrazioni e agli enti locali che vogliano individuare obiettivi sociali e affidandoli a investitori privati, accantonando risorse che vanno restituite se il modello dovesse funzionare. È un meccanismo “pay by result”, un meccanismo virtuoso. Stiamo parlando di investimenti che sono collegati, agganciati e appoggiati a un obiettivo sociale che deve essere raggiunto. E lo Stato eroga quelle risorse solo a obiettivo raggiunto. Per l’Italia è una piccola rivoluzione copernicana. Significa che il mondo dell’impresa, della finanza sociale investe sapendo che almeno il capitale rientrerà. E significa che le cooperative sociali sanno di avere la certezza del finanziamento, ma anche che il raggiungimento del risultato è la loro ragione sociale», continua Melandri.

«Il Fondo aspetta i decreti di attuazione. Servono i DPCM. Ed è indicato nel 30 marzo la data entro cui rendere operativo questo strumento che può consentire un salto di qualità. Il termine non è perentorio, ma io penso che in queste il mondo istituzionale deve sentire da questa assemblea la richiesta di prendere a cuore questa partita. Quale che sia il prossimo Governo. Se è vero che innovazione e inclusione sono le due sfide di questa legislatura, chiediamo a questo Governo che entro i primi 100 giorni sia rilanciato questo strumento. Questo è il nostro obiettivo, questa è la nostra agenda», conclude la Presidente di Social Impact Agenda per l’Italia.

UFFICIO STAMPA

Paola Natalicchio - 349.5932901 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.