Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

ComunicatiStampaSito

STARTUP SOCIALI LAZIALI A LEZIONE DI INNOVAZIONE

Conclusa la due giorni di lezioni, testimonianze e workshop organizzata
a Roma da Human Foundation e Lazio Innova

ROMA –Lezioni, ma soprattutto testimonianze e workshop. Un vero e proprio innovation lab ieri e oggi a Roma, dedicato allestartup innovative a vocazione sociale (le cosiddette SIAVS)di Roma e del Lazio organizzato da Human Foundation e Lazio Innova, la società regionale per la crescita e l’innovazione.

Ottima la risposta del territorio: sala piena a Villa Palestro, a dimostrazione che il settore delle startup è in crescita e sa mettersi in gioco nella formazione continua, soprattutto quando si tratta di scommettere sul sociale e sulla sostenibilità.

L’incontro si è svolto con modalità altamente interattive: lezioni frontali, alternate a testimonianze e laboratori di verifica, con un costante dialogo tra lo staff di Human Foundation e i partecipanti al corso. Oltre a un seminario, quindi, un vero e proprio laboratorio partecipato basato su attivazione e interazione, che si è rivelato, quindi, anche un’occasione importante per le startup presenti per fare rete, migliorando approcci e competenze nel campo della sostenibilità sociale.

Il primo giorno, Nicola Cabria di Human Foundation ha presentato linee guida e orientamenti nell’ambito dell’economia a impatto sociale, mentre nella seconda giornata Federico Mento, direttore di Human Foundation, ha proposto una lezione sulla valutazione d’impatto sociale, con un focus sul metodo SROI (Social Return on Investment) e sulla Teoria del Cambiamento.

Molto apprezzate le due testimonianze. Chiara Faini di Smart, società di mutualismo nata per assicurare protezione sociale ai lavoratori spesso precari e intermittenti del settore arte e spettacolo, ha presentato il modello organizzativo della sua organizzazione, oggi tra le startup a impatto sociale più solide in Europa.

Giacomo Giovannini di JAI (Junior Achievment Italia), invece, ha presentato il programma “Impresa in azione”, pensato nell’ambito dei percorsi di alternanza scuola per insegnare agli studenti delle scuole superiori come nasce e funziona un’impresa.

Roma, 23 febbraio 2018

PER INFORMAZIONI

Paola Natalicchio
Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione
Human Foundation

Cell. 349.5932901
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.