Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

ValutareImpattoNews

 

VALUTARE L’IMPATTO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE.

Una proposta metodologica


Venerdì 9 febbraio alle ore 10.30, presso la Sala Onofri della DGCS – Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – , si è tenuta la presentazione del dossier VALUTARE L’IMPATTO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Una proposta metodologica da Link 2007 e Social Value Italia.
Il presente documento rappresenta un primo tassello nel cammino di promozione di una cultura dell’impatto a livello italiano, che renda la valutazione una pratica quotidiana e consolidata tra coloro che attuano ad ogni livello interventi di cooperazione allo sviluppo.
L’evento nasce con l’intento di creare uno spazio di dialogo e di confronto tra chi si occupa su più fronti di valutazione d’impatto con l’obiettivo di identificare insieme possibili scenari soluzioni e proposte.

SCARICA IL DOCUMENTO

Perché un documento sul tema della valutazione di impatto?
Coerentemente con la missione delle ONG aderenti alla rete LINK2007, la misurazione dell’impatto delle azioni realizzate per sradicare povertà e disuguaglianza, assicurare i diritti fondamentali dell’uomo e della donna, rispondere alle crisi umanitarie e promuovere uno sviluppo sostenibile, ricopre un ruolo fondamentale nella ricerca costante di indurre cambiamenti positivi.
Con questa finalità, a partire dalla firma della “Carta sul cammino verso l’accountability” di LINK2007 sottoscritta il 16 ottobre 2013, si è rafforzato l’impegno nella realizzazione di alcune misure che pongono la valutazione al centro delle nostre strategie di intervento. Partendo da importanti premesse, intendiamo identificare e condividere principi, linee guida comuni e un percorso che individui un set di strumenti utili per la valutazione di impatto. Questi sono stati elaborati in un dossier che mette in sinergia le conoscenze maturate e sistematizza le molteplici metodologie disponibili.
Nel presente documento, utilizziamo come definizione d’impatto quella data dalla OECD che lo identifica come: “the positive and negative, intended and unintended, direct and indirect, primary and secondary effects produced by an intervention” misurato attraverso: a) indicatori di risultato (outcome), che identificano i benefici diretti che l’intervento si propone di raggiungere, e concorrono, insieme agli output di progetto e agli indicatori di impatto, ad identificare l’efficacia; b) indicatori di lungo periodo che “misurano la qualità e la quantità degli effetti generati dall’intervento e descrivono i cambiamenti nelle vite delle persone e lo sviluppo a livello globale, regionale e nazionale, tenendo conto delle variabili esogene che lo influenzano” (OECD, 1991).

Consapevoli della complessità di introdurre un impianto di valutazione, abbiamo scelto un percorso graduale che prevede un sistema di valutazione d’impatto orientato, in una prima fase, all’analisi dei risultati ottenuti in relazione ai bisogni prioritari espressi e successivamente all’analisi degli effetti di lungo periodo.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA