Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Muhammad Yunus

close

Yunus1

 

Muhammad Yunus, Fondatore della Grameen Bank e Premio Nobel per la Pace, ha rivestito e riveste un ruolo chiave nel condurre, a livello globale, una battaglia contro la povertà.

Yunus ha basato questa battaglia sullo strumento del microcredito, valorizzando attività generanti un guadagno tramite piccoli prestiti senza garanzie collaterali. Yunus ha fondato la Grameen Bank nel 1976 e ne è stato presidente dal 1983 al 2011. Nel 2006 insieme alla Grameen Bank, Muhammad Yunus ha vinto il Premio Nobel per la pace per il suo grande impegno nei confronti dello sviluppo economico e sociale. E’ anche il fondatore di Grameen Trust, che diffonde il sistema di microcredito di Grameen in tutto il mondo. Più recentemente ha cominciato a promuovere l’idea di “social business”, impresa senza dividendi né perdite con un obiettivo sociale, che rappresenta l’anello mancante del capitalismo.

Nel 2006 ha fondato lo Yunus Center, che dal 2011 è presente anche in Italia a Firenze, per sostenere e promuovere le forme di Social Business nel mondo. Laureato in Economia presso l’Università di Chittagong (Bangladesh), ha poi conseguito un Dottorato di Ricerca in Economia presso l'Università Vanderbilt di Nashville (Tennessee, U.S.A.) È stato professore di Economia presso la Middle Tennessee State University, U.S.A., dal 1969 al 1972, quindi direttore del Dipartimento di Economia dell’Università di Chittagong (Bangladesh) dal 1972 al 1989. Nel 2004 ha ricevuto la laurea Honoris Causa presso l’università di Firenze, e l’Alma Laurea di Bologna. Nel 2006 ha ricevuto un Dottorato Onorario dalla American University of Beirut e Nel 2008, una Laurea Honoris Causa presso facoltà di Scienze Politiche, indirizzo Cooperazione e Sviluppo, dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". E’ vincitore di vari premi internazionali, tra cui nel 1993 il CARE Humanitarian Award, nel 1994 vincitore del World Food Prize; nel 1996 vincitore del Simón Bolívar Prize dell'UNESCO, nel 2004 vincitore del premio del giornale The Economist per l'innovazione sociale ed economica.

E’ autore di libri best seller come “Il banchiere dei poveri” e “Un mondo senza povertà: social business e il futuro del capitalismo”. Nel suo paese natale, ha ricevuto il President’s Award, il Premio della Banca Centrale e l’Independence Day Award, il più importante premio nazionale.

Recentemente il Presidente USA Barack Obama lo ha onorato conferendogli la Medaglia Presidenziale della Libertà, il più grande premio civile degli Stati Uniti d’America.